Che venga la rabbia, Bernardo, che venga. Quanta nostalgia ho dei miei scatti d'ira, di quei desideri di rivalsa sulla vita e sulle persone che mi tenevano vivo. Nel tino il fermento da vino o birra o succhi vitali. Lo stagno ristagna. Bernardo, Alberto,…
“Me misera, che ho visto quel che ho visto, e vedo quel che seguito a vedere!” Così sospesi tra l'essere e il non essere all'affievolirsi delle nostre capacità ne immaginiamo in altri di sublimi. Ma è pur sempre solo un…
Così abituato al dolore e allenato agli addii poco o niente mi può far male. Ho consegnato me stesso a poche verità, alcune odiose altre un po' meno. So che spesso l'altro è solo lo specchio deforme o deformante in…
Se indosso altri panni qualcuno mi riconoscerà? Mi amerà di più? Essere me stesso è così deprimente ai miei occhi! Sono così miseri i miei abiti, odorano di povertà. Forse sarebbe bastato guardarmi con gli occhi di chi mi ha…
Ti ho vista correre… indugiare… fermarti  e correre ancora. Disegnarti tra profili di vite, il cuore liquido promesso ad ogni coppa, a tutti i calici con il profilo che non ti rassomiglia. Ti ho vista correrebambina dai piedi leggerisenza orme, senza rami spezzatisolo tracce…
Pagina 4 di 7