Occhi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il setaccio scortica
le mie palme inadeguate,
l’oro si mescola alla mota,
distratto non lo distinguerò.
I miei occhi,
reticelle a larghe maglie,
trattengono e in fretta restituiscono.
Tutto mi attraversa
il tempo di un’emozione,
di una sorpresa;
rimane leggera una traccia.
Indifeso al rumore
scavo i silenzi,
mentre il tempo mi copre.

Letto 1062 volte
Altro in questa categoria: « Marzo Parole »
Devi effettuare il login per inviare commenti