Silvio Izzolino Schioppa

Silvio Izzolino Schioppa

Catene di odori, colori e di suoni.

Radici come catene che ti trattengono, come vortici che ti attraggono, ovunque vada, ovunque tenti di scappare. Amo questa terra umiliata e ad essa, cenere, mi restituirò.

Non sono tornato perché mai veramente sono partito.

Ricardo non è andato via, era nascosto tra pieghe di silenzi e di assenze.

Non si abbandona l’anima, anche se altra.

Sono solo percorsi diversi, che si separano e si riavvicinano e, a giuste distanze, un cenno della mano, un cenno di saluto e di sorriso illuminano solitudini sorelle.

Il ritorno è una sconfitta.

L’ennesima.

Le tante vite ne fanno una? Ricominciare è una virtù?

Intanto si aggiungono ruggine e sabbia ai miei pensieri e fatico a salire scale. Questa commiserazione di me impoverisce il mio ego già così misero e minimo.

Pagherei ore di vita per una carezza sincera incurante della falsità di questa frase.

Avevo fisicità per vivere la giovinezza, non ho spiritualità per vivere la vecchiaia.

Sono morto qualche tempo fa, senza funerali e senza fiori, senza dolore di amici e parenti, senza un marmo o cenere da spargere al vento. Mancare anche alla mia morte è stata la degna conclusione della mia vita.

Ogni goffo tentativo di resurrezione svilisce ancora di più il tempo che non mi appartiene.

Il cuore! Voi donne avete un cuore così pronto all’amore ed al continuo rinnovarsi. Invidio questa capacità di resurrezione e un’altra vita da vivere non ha neppure ricordi dove indugiare.

Domande.

Ci fossero domande diverse da “a che ora vai a letto la sera?” te le porrei.

Sento solo che un’onda più lunga ha sgretolato i castelli innalzati così vicino al mare. Ma più lontano c’è solo sabbia arida e non si può sognare.

Ho sempre temuto che il tuo tempo non potesse mai essere ordinario, quasi come l’ho sempre sperato in cuor mio.

L’intelligenza è un dono che si paga a caro prezzo e ti costringe spesso, paradosso, ad una ostinata ricerca di normalità che non le appartiene.

Così il lavoro. Così l’amore. Così i tuoi giorni.

Segui il tuo genio in percorsi più consoni ai tuoi passi e se spine e rovi lasciano ferite accettale per un’orizzonte che ti rassomigli.

La felicità è un’idea così stupida quasi come la verità. L’orizzonte sei tu e se scopri una te stessa dolente è la’ che verità e felicità risiedono.

Vorrei presentarti Berlino, è un posto dell’anima, che sia questa od un’altra. Luci ne sarebbe felice ed io puoi bene immaginarlo.

Sai Bernardo

ci sono modi per riannodareriallacciareriunirerinverdirerinfrescare rapporti, a volte è sufficiente una pietra in uno stagno immobile.

E’ che il tempo incomincia conti che partono non so da dove ma arrivano sempre allo stesso dove.

Sono contento d’aver amato e goduto d’ogni cosa da amare e godibile, che molti miei giorni abbiano avuto il ritmo d’un verso e tante notti i colori della tragedia.

Sono contento anche che il mio dolore abbia il suono della poesia, angina pectoris, e non un arido e freddo nome scientifico.

E’ per questo che non rinuncio, ora più che mai, al minimo accenno di uno sgorgante piacere. E tu sei un piacere per la mia mente e per il mio corpo. Spero tu abbia fianchi contadini e pazienze orientali per sostenere questa discesa all’ade.

Ma soprattutto una lingua che non sappia d’inchiostro di stampa ma di odio, d’amore, disgusto e di nausee e di attese e di incontri e di buone novelle.

Masturbami ti prego una sinapsi, una qualsiasi delle poche che sono ancora in vita.

Pagina 1 di 12

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Quando si accede a questo sito, il nostro server potrebbe allegare un piccolo file di testo sul disco rigido: un cookie. I cookie sono piccoli file che vengono inviati e memorizzati sul computer dai siti web visitati. I cookie vengono memorizzati nella directory dei file del browser. La prossima volta che si visita il sito, il browser leggerà il cookie e trasmetterà le informazioni al sito web o all'elemento che ha originariamente impostato il cookie. I nostri domini possono anche includere elementi che impostano i cookie per conto di terzi.

Per ulteriori informazioni su queste tecnologie e sul loro funzionamento, vedere ad esempio il sito allaboutcookies.org.

Sapendo come e quando i nostri utenti utilizzano questo sito, queste informazioni ci consentono di migliorare il sito. I seguenti cookie vengono attualmente utilizzati sul Sito. Si noti che i cookie possono essere modificati da noi in qualsiasi momento.

Descrizione dei cookie
Cookie Google Analytics: determina la sessione del visitatore
Cookie Google Analytics: identifica visitatori univoci
Cookie Google Analytics: rileva le fonti del traffico e la navigazione
addthis.com : creato e letto da addthis.com su lato client, al fine di assicurarsi che l'utente veda il conteggio aggiornato se condivide una pagina e torni ad essa prima di aggiornare la cache del conteggio delle condivisioni
Se non si desidera ricevere cookie, o se si desidera ricevere una notifica relativa al momento in cui sono stati memorizzati, è possibile impostare il browser per questa operazione, se il browser lo consente. È possibile analizzare le opzioni disponibili per gestire i cookie nel browser. I vari browser utilizzano modi diversi per disabilitare i cookie, ma di solito si trovano nel menu Strumenti o Opzioni. È inoltre possibile consultare il menu della guida del browser. Oltre alla gestione dei cookie, i browser di solito consentono di controllare i file simili ai cookie, ad esempio LSO (Local Shared Objects), attivando la modalità privacy del browser.

Se si visita il nostro siti web e le impostazioni del browser accettano i cookie, lo riteniamo un'accettazione dell'uso di cookie da parte nostra.